ILONA STALLER
 

ILONA STALLER - CICCIOLINA

 
CICCIOLINA
 
   
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA

Video Porno Gratis

ILONA STALLER - CICCIOLINA
 
 
ILONA STALLER - CICCIOLINA
BIOGRAFIA
Nata a Budapest in Ungheria il 26 novembre 1951, è la figlia irreprensibile di una tranquilla famiglia di alti funzionari e esponenti del ceto colto e riflessivo del suo paese. Il padre lavorava al ministero dell'Interno mentre la madre esercitava la professione di ostetrica. 
La futura pornostar al principio sembra voler seguire le orme materne ma le cose non andranno esattamente come sperato dai bravi genitori. 

Dopo un breve amore per l'archeologia (per breve tempo frequenta l'università), comincia a muovere i primi passi nel mondo della moda. Posa per un'agenzia fotografica di Budapest, la "Mti", che gestisce le migliori cinquanta modelle ungheresi e viene subito notata per la straordinaria quanto accattivante bellezza. Non ancora ventenne, viene incoronata Miss Ungheria. 

Nel 1974 Ilona Staller decide di abbandonare il proprio paese per trasferirsi in Italia. L'obiettivo è quello di affermarsi come fotomodella. Un traguardo che si dissolve quando incontra Riccardo Schicchi, autore, produttore e regista di film pornografici, vero guru del settore. 
Con Schicchi conduce inizialmente "Voulez-vous coucher avec moi" un programma notturno dell'emittente radiofonica Radioluna, ed è proprio qui che nasce il mito di Cicciolina. Durante la trasmissione la provocante ragazza aveva l'abitudine di chiamare i suoi interlocutori radiofonici con il termine di "cicciolini": sarà Maurizio Costanzo il primo a rovesciare su di lei l'appellativo. 
La trasmissione, in onda dalla mezzanotte alle due, diverrà un fenomeno senza paragoni, seguita da migliaia di fan disposti a fare le ore piccole pur di seguirla. 

Ormai da tutti ribattezzata Cicciolina conquista le copertine di tutti i giornali: "la Repubblica", "Oggi", nonché il primo servizio nudo sul settimanale "L'Europeo". Dalla grande stampa ai rotocalchi, da Enzo Biagi a Costanzo tutti si occupano di Ilona Staller che nel frattempo inaugura una sua carriera cinematografica: il primo vero e proprio film si intitola "Cicciolina amore mio". Una pellicola poco hard che si rivelerà un fallimento. 
Con Schicchi realizza allora un nuovo film "Telefono rosso", molto più spinto: sarà un record di incassi. 
Diventerà in breve una vera regina del porno, lavorando con gli artisti più conosciuti, da Moana Pozzi ("Cicciolina & Moana ai Mondiali", 1987) a Rocco Siffredi ("Amori particolari transessuali", 1992). 

Ma la vera novità per Cicciolina è la candidatura alle politiche del 1987 nel partito radicale di Marco Pannella con la lista del Partito dell'amore. Viene eletta con 22.000 preferenze, seconda solo al leader radicale. 
E' l'apice del successo non solo della Staller ma anche di Riccardo Schicchi che è il deus ex machina di tutta l'operazione. 

La storia tra la diva e il producer cade a pezzi sotto lo scalpello di Jeff Koons, artista americano che dedica un'opera d'arte all'attrice, ne diventa amico e nel giugno del 1991 la sposa. Dal matrimonio nasce un figlio, Ludwig. 
Non appena il legame tra i due coniugi si esaurisce, Ludwig viene conteso con tentativi di rapimento, liti, fughe e botte. 

Inizia così per Ilona Staller una lunga battaglia legale, in cui si vede inizialmente privata del figlio, nel 1995, per poi riacquisirne la custodia con l'ultima sentenza della Corte costituzionale, nel 1998. 
Da qualche anno Cicciolina ha ripreso l'attività artistica prevalentemente presentando spettacoli. 

Nel gennaio del 2002 Cicciolina si è buttata nuovamente nell'agone politico, presentandosi come indipendente nelle elezioni parlamentari ungheresi per il seggio di Kobanya-Kispest, uno dei quartieri proletari di Budapest. 
Malgrado il suo sbandierato amore per l'Ungheria, per cui prometteva di fare grandi cose, i cittadini non hanno appoggiato l'iniziativa bocciandola alle elezioni. 

Non contenta torna in Italia con l'intenzione di candidarsi per diventare il nuovo sindaco di Monza. Il suo programma politico prevede un punto piuttosto audace: trasformare la Villa Reale in un casinò. L'obiettivo non riscuoterà successo. Nell'agosto del 2004 un nuovo annuncio: intende candidarsi alla poltrona di sindaco di Milano alle elezioni amministrative del 2006; questa volta la sede del casinò proposta è il Castello Sforzesco.
 
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER

ILONA STALLER - CICCIOLINA

CICCIOLINA

ILONA STALLER - CICCIOLINA

galleria fotografica

ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA
ILONA STALLER - CICCIOLINA

ILONA STALLER - CICCIOLINA

CICCIOLINA VIDEO GRATIS

VIDEO PORNO GRATIS